Dicono di noi - Biennale


Gary Barnhart 

CANADA

 

Responsive Image
L'artista
"L'ispirazione arriva facilmente. Mi piace il mio lavoro. Il tempo che trascorro in studio è importante, è un processo in cui si rivela il vero potenziale di un'idea, un concetto o un tema. L'immagine deriva da questo processo creativo che le consente di emergere dalla sua fonte naturale alla luce di una nuova esistenza. Vestita con la parola ARTE, l'immagine informa, rivela e mette in discussione i nostri pensieri e le nostre interazioni con il Sé e, infine, con gli altri. Da questa energia creativa deriva un senso di consapevolezza personale e di realizzazione. C'è anche un senso di potere che rivela che questo oggetto ha una vita propria ed è diventato parte del nostro mondo. L'ARTE diventa un Maestro, un Saggio che abita e trascende le pagine della vita quotidiana per realizzare, ispirare e completare la crescita e il benessere dell'individuo e anche della nostra società".

L'esperienza con la Florence Biennale
"La Florence Biennale nasce per l'artista. È straordinaria nella sua portata, collocazione e storia. L'organizzazione fa tutto il possibile per accogliere l'artista prima, durante e dopo la mostra. È piena di opportunità per la crescita personale, il contatto professionale e la ricompensa finanziaria. Come ha osservato la mia compagna Carolynn, «tu non sai chi sta camminando lungo i corridoi, chi sta guardando il tuo lavoro e dove questa esperienza ti porterà». Ho avuto la fortuna di ricevere il "Premio Lorenzo Medici per la Scultura" dalla Giuria Internazionale. Inoltre, alcuni curatori di New York hanno notato il mio lavoro e ora sono professionalmente rappresentato a New York da Creative Concepts Inc. La cena di gala e la cerimonia di premiazione degli artisti è la nostra occasione per festeggiare. La cena era arricchita da musica dal vivo, buon cibo, vino e danza: l'ospitalità italiana al suo meglio. La cerimonia di premiazione dell'artista è motivo di onore per l'individuo. Tra fischi, applausi e confusione generale ogni artista è in realtà celebrato e celebrando. Un modo perfetto per terminare la Biennale. Ancora una volta, attendo con ansia la IX Biennale di Firenze 2013 per celebrare l'energia, il cameratismo e la diversità dell'artista".

www.garybarnhartsculptor.com
L'artista
Le interessanti opere di Ana Brüll possono sembrare un po' decorative, dal momento che dal punto di vista convenzionale, questi dipinti non usuali rivelano un equilibrio delicato di forme, colori e texture, caratteristiche estetiche che possono essere destinate a semplicementea colpire gli spettatori. Ma le immagini di Ana Brüll sono tutt'altro che ornamenti, in quanto trasmettono facilmente la sua determinazione a raffigurare immagini in grado di parlare da sole, cioè il suo desiderio di evitare tutti i riferimenti oggettivi. Se dai tempi di Platone è diventato chiaro che è impossibile sostenere una nozione di bellezza, allora una struttura non ha bisogno di acquisire una forma particolare, tranne la propria per essere riconosciuta come tale. Di conseguenza, l'eccezionale serie di Ana Brüll può essere intesa come una ricerca trascendentale e infinita di forme. Le sue strutture sono molteplici mezzi progettati per comporre il caos, per equalizzare gli opposti e per armonizzare la dissonanza.

L'esperienza con la Florence Biennale
"Devo ringraziare Vito Campanella, pittore italiano residente in Argentina, che mi ha proposto di partecipare nell'anno 2000 alla Vetrina Internazionale Degli Artisti Latino Americani tenuta al Palazzo degli Affari di Firenze. Da lì sono stata convocata a partecipare alla prima Florence Biennale e a quelle successive fino ad oggi, tutte realizzate nella Fortezza da Basso. Si trattò, come sempre, di una bella esperienza per la concentrazione di artisti di diversi paesi, come anche di percepire lo svolgimento dell'arte nel mondo. In generale, la messa in scena, la conoscenza che è stata aumentata nel corso delle diverse Biennali e l'ampliamento di come funziona un'impresa di grandi dimensioni è stato il fattore fondamentale per scegliere di parteciparvi. Così come lo sono stati gli eventi culturali che si svolgono durante la mostra e la serietà dei suoi dirigenti, il Professor Piero Celona e Pasquale Celona Presidente della Biennale".

www.anabrull.com


Ana Brull 

ARGENTINA
 
Responsive Image
 

T. Truman Capone

USA
 
Responsive Image
L'artista
"Sono nato a Pittsburgh, Pennsylvania e ho ricevuto un Bachelor of Arts dalla Edinboro University of Pennsylvania, un Master of Science in Graphic Communications dalla Virginia Tech e Master of Fine Art dalla Radford University. Attualmente risiedo a Blacksburg, Virginia con una carriera professionale che comprende i seguenti ruoli: Direttore e Professore di Art & Visual Communication Design, Medical Illustrator & Graphic Designer, e Goldsmith. Il mio lavoro appare in mostre giurate e invitational, sia a livello nazionale che internazionale. Ho avuto la fortuna di esporre in oltre 97 mostre in cui la mia opera è stata premiata più di recente alla LINEA Contemporary Gallery di Firenze la Mostra delle Piccole Meraviglie. Attraverso la mia arte, indago il processo filosofico dello Zen e dell'Esoterismo sintetizzando queste tradizioni e creando un costrutto di espressionismo astratto orientale e occidentale. Queste composizioni sono basate su esperienze di colore, geometria e pattern creando sistemi di colore che riflettono un contesto aereo e paesaggio atmosferico".

L'esperienza con la Florence Biennale
"Sono onorato di partecipare alla Nuova Biennale di Firenze del 2013. Ho avuto la fortuna di vincere il primo premio da LINEA lo scorso maggio 2013, che mi ha incoraggiato a creare nuove opere per il 2013 la nuova Biennale di Firenze. Il mio legame con la LINEA si è concretizzato con l'accettazione alla Biennale di Firenze 2011. Ritengo che il tema Etica del DNA dell'Arte sia estremamente appropriato per la traiettoria e il nuovo paradigma che stiamo approcciando nelle belle arti di oggi. Con la fusione delle tecnologie creative, scienza, ingegneria e arte stiamo scoprendo il coinvolgimento dell'artista in un processo di creatività integrata mentre esplorano il mondo intorno a loro creando soluzioni innovative ai problemi e comunicare i loro risultati ad un pubblico interessato e attento godendo di questo nuovo fenomeno artistico. Gli artisti sono attualmente impegnati a indagare gli aspetti del nostro ambiente, mentre nuovi approcci creativi si stanno muovendo al di là delle mura esistenti delle gallerie tradizionali, facendo appello al nuovo pubblico attraverso l'uso di tecnologie creative. Artisti emergenti e designer prenderanno decisioni critiche su come formiamo la nostra società e nuovi tipi di artisti verranno alla luce da mostre come la nuova Florence Biennale nel 2013".

www.trumancapone.com
L'artista
Gabriela Esquivel è nata a San Jose, Costa Rica nel 1981. Ha vissuto e studiato in vari paesi tra cui Germania, Svizzera, Costa Rica, Porto Rico e Stati Uniti. Ha ottenuto un Bachelor of Art in Motion Pictures e Fashion Design dalla Scuola di Belle Arti di Porto Rico e un Bachelor in Studi Umanisticiin Musica dall'Università Interamericana di Porto Rico. Le sue opere artistiche includono dipinti acrilici, video, animazioni e composizioni per pianoforte. 

"Riposando nei miei spazi più intimi medito sulla frase 'il personale è universale'. Da questo momento in poi posso giustificare la condivisione della mia intimità, dei miei spazi più sublimi e dei miei cieli interiori. I miei cieli, che possono essere anche i vostri cieli, sono il luogo dove rinasco e posso diventare un tutt'uno con il divino. È in questo spazio pieno di pace, suono e colore che trovo il paradiso sulla terra. Stare in mezzo a questa condivisione di luce è per me la migliore sperimentazione di libertà".

L'esperienza con la Florence Biennale
Gabriela Esquivel ha partecipato alla X Florence Biennale nell'ottobre 2015 con due dei suoi dipinti della serie 'Sound of the New Sun'. Descrive così la sua esperienza: "Far parte della X Biennale di Firenze è stata una grande opportunità che mi è molto cara. Ho avuto la possibilità di condividere la mia arte con artisti, critici e curatori provenienti da tutto il mondo e ho anche avuto l'opportunità di visitare vari artisti fiorentini nei loro studi. Con la maggior parte di loro ho buone e solide amicizie. Visitare i musei e altre città italiane come San Gimigniano è stata un'altra parte molto importante dell'esperienza. Il team della Florence Biennale è sempre stato molto professionale e premuroso. Sicuramente mi piacerebbe partecipare ancora alla Florence Biennale in futuro".

www.gabrielaesquivel.com


Gabriela Esquivel

COSTA RICA  PUERTO RICO
 
Responsive Image


Miro Frei

SVIZZERA
 
Responsive Image
L'artista
"Nel cosmo è buio. Portiamo un po' di colore e di vita nel mondo. Una questione di esistenza".

L'esperienza con la Florence Biennale
"Torno alla Florence Biennale perché l'ultima volta questo evento è stato un buon input per me. Qui ho conosciuto molti artisti qualificati provenienti da tutto il mondo (come Polonia, Argentina, Canada, Turchia, Cina). Rimango ancora in contatto con tanti di loro. Con quattro ho anche collaborato per esposizioni collettive. L'incontro con un' artista come Marina Abramovic mi ha ispirato. Spero che continui ad esserci questo tipo di scambio con altri artisti".

www.mirofrei.ch
L'artista
"Vedo il mio lavoro come un viaggio, non solo nel tempo e nello spazio, ma nel mio e negli altri esseri. Nella nostra capacità, volontà e coraggio di esprimere ciò che vogliamo o ciò di cui abbiamo bisogno. Esploro la condizione umana e ciò che avviene nelle nostre identità e relazioni. Le sfide della vita mi interessano. Sono attratto dalla bellezza nervosa e sfaccettata. Persone, paesaggi, case e cose varie; niente è del tutto perfetto o semplice. Verità e realtà hanno molte facce.
Per lo più lavoro con vernice ad olio e ho il mio studio a Stoccolma, in Svezia. Negli ultimi anni ho esposto di frequente. Ad esempio ho partecipato a spettacoli a Helsinki, Berlino, Parigi, Dublino, Barcellona, Londra, Firenze, Chianciano, Porto e New York".

L'esperienza con la Florence Biennale
"Ho partecipato alla Florence Biennale nel 2011 e ho pensato che fosse un'esperienza incredibile. Non vedo l'ora di partecipare di nuovo. Vedere tutta l'arte e incontrare visitatori, gallerie e colleghi artisti mi dà un sacco di ispirazione e possibilità per lo sviluppo futuro della mia arte".
 


Titti Hammarling

SVEZIA
 
Responsive Image


Wessel Huisman

PAESI BASSI
 
Responsive Image
L'artista
"Voglio recuperare qualcosa che non si è mai perso. Voglio visualizzare qualcosa che non è mai esistito, solo nella mia memoria".

Wessel Huisman si chiede se sia ancora possibile - senza tornare letteralmente alle tecniche e alle immagini classiche - creare quadri con la tranquillità, la qualità spaziale e la coerenza interiore che sono presenti nelle opere di Hans Memling, - o, addirittura, in alcuni paesaggi di Sisley o Pissaro - una condizione mentale che ha scoperto anche nelle stampe di artisti giapponesi come Hiroshige. Cerca delle costanti nel modo in cui la pittura si è sviluppata attraverso i secoli. Da questo punto di vista le pitture tombali etrusche hanno la stessa importanza degli affreschi italiani del XV secolo o di alcune opere dei costruttivisti russi. Huisman non lavora in una tradizione fine a se stessa; egli in verità mantiene valori che sono ancora di vitale importanza, e li nutre con le sue esperienze personali.

Da: Dr. G. Teixeira de Mattos, Gesti Vitali, Bruges/Belgio, novembre 2011

L'esperienza con la Florence Biennale
"Ciò che apprezzo di più della Florence Biennale è il fatto che molti artisti presentati lì, ovviamente lavorano dal proprio background culturale e quindi mostrano una varietà di dichiarazioni individuali. Durante i miei viaggi ho incontrato molti colleghi e studenti d'arte provenienti da tutto il mondo. Troppo spesso ho incontrato artisti che lavorano come fornitori per il mondo dell'arte internazionale; facendo le opere alla moda che ci si aspetta che facciano.
La mia presentazione all'ultima Florence Biennale intendeva, in senso positivo, opporsi al cinismo e alla decadenza di moda nella cultura occidentale. Intendeva ristabilire la nozione di bellezza in modo effettivo. Un bel quadro, un oggetto o un pezzo di musica si riferisce alla sensibilità personale, e facendo questo, ti rivela chi sei. Nel mondo dei critici d'arte e dei curatori, tuttavia, da qualche anno va di moda proclamare che abbiamo chiuso con la bellezza e che l'arte non deve limitarsi a piacere alla gente. Ma non è forse la più grande conquista dell'arte, che colpisce l'io individuale e contribuisce alla coscienza della propria esistenza in modo così potente?
La Florence Biennale fornisce una piattaforma globale unica per sostenere lo sviluppo di questa coscienza. Sono lieto di notare che l'organizzazione negli ultimi anni ha fatto molti sforzi per rafforzare la sua posizione con un numero crescente di attività e ottenendo il sostegno di molti importanti artisti, scienziati e istituzioni. Una prospettiva promettente!"

www.wesselhuisman.com
L'artista
"Da Rancagua, piccola città nel Nord Argentina, nei miei dipinti esprimo la densità dei nostri paesaggi. Con olio e iuta come materiali, esprimo i miei affetti dalla passione che sento per il mio paese e per l'arte. Le atmosfere e i climi che descrivo come temi, riflettono la luce drammatica che caratterizza la nostra pianura, e l'orizzonte appare e scompare in una ricerca dinamica di effetti cromatici, alla ricerca di svelare i misteri che nascondono, ogni erba, ogni piccolo ruscello, ogni anima che abita questo universo della fine del mondo. Un pensiero, un'utopia... 'colpirai con un martello quel chiodo con la dignità di un Dio generoso'."

L'esperienza con la Florence Biennale
"
La VIII Florence Biennale (2011) ha significato per me la possibilità di partecipare alla più importante mostra internazionale nell'ambito delle arti. La mia passione per l'arte mi ha portato a visitare e anche a partecipare ad altre mostre internazionali, ma nessuna raggiungerà il livello degli artisti che ho conosciuto in questa occasione.
Per questo motivo ho grandi aspettative per questa nona edizione, perché ho avuto l'opportunità di verificare la serietà dell'organizzazione, la responsabilità degli organizzatori e la considerazione che hanno degli artisti. Inoltre, la selezione degli artisti viene fatta attraverso referenti internazionali in ogni paese: viene fatta una ricerca onesta di chi ritengono che meriti di prendere parte a questa mostra esclusiva. Inutile dire che per me è un'esperienza fantastica e sono così orgoglioso di prendere parte alla Florence Biennale".

www.ricardojuarezpintor.com


Angel Ricardo Juárez

ARGENTINA
 
Responsive Image


Kostas Loudovikos

GRECIA
 
Responsive Image
L'artista
"Sono un artista greco multidimensionale con studi di pittura, storia dell'arte e diritto ad Atene. Il mio portfolio comprende pittura, affreschi murali, icone, disegni, poesia e libri sull'arte. Ho ricevuto premi internazionali e pubblicazioni per molti miei progetti. La fonte dell'arte per me è il grande e complessivo mistero del mondo, dell'uomo e di tutti gli esseri. L'opera 'The Shroud of the century' che è esposta alla Florence Biennale 2013 ha un riferimento diretto alla Sindone di Torino. Ho avvolto il corpo del XXI secolo con un sudario. E ho visto che i nostalgici e misteriosi fiori umani dell'amore, della sofferenza e delle crocifissioni, erano impressi sul sudario e sopra di essi, ho visto formarsi l'enigmatico mostro del denaro avendo usato delle monete per la realizzazione dell'opera. Sembra che per tutta l'umanità, la cultura e le arti, questo secolo dovrà passare attraverso le ultime Simplegadi del dio-uomo nostalgia e denaro che sarà dominante".

L'esperienza con la Florence Biennale
"Viva la Firenze dei Medici, di Santa Croce, di Giotto, degli Uffizi e della Florence Biennale. Ho partecipato alla Florence Biennale 2011, ad Effetto Biennale in Messico nel 2012, e ora alla Nuova Florence Biennale 2013. Mi piacerebbe fare una mostra personale nella famosa Firenze. Come artista visivo greco, credo che una terra che ha prodotto grande arte nel passato, può dare altrettanto grande arte nel futuro. L'arte ci invita incessantemente ai suoi matrimoni. Abbiamo bisogno di una grande idea per il presente e il futuro dell'arte contemporanea internazionale. Che la Nuova Florence Biennale stabilisca il paradigma e diventi l'inizio di una Grande Arte Internazionale, contro la prossima stupefazione e brutalità globale. Coloro che creano nel 21° secolo la grande arte, loro stessi sono la Grande Arte".

www.loudovikos.com
L'artista
"Il mio amore per la pittura è nato quando ero bambina, crescendo con i miei nonni. Mia nonna tesseva nel suo tempo libero. Ho imparato a tessere, a tingere e a mescolare i colori. Mio padre creava sculture in metallo e mia madre disegnava gioielli nel suo tempo libero. Ho imparato la pittura, la grafica e il design tessile per tre anni nel mio paese d'origine, la Bulgaria. Nel 1987, mi sono trasferita con i miei genitori a Berlino in Germania, dove ho poi studiato storia dell'arte dal professor Bredekamp e archeologia classica dal professor Rösler alla Humboldt-Universität. Dal 2003 ho partecipato a circa 40 mostre collettive e personali, a Roma, Venezia, Berlino, Pisa, New York, Chicago, Parigi, Toronto, Pechino (14° esposizione internazionale d'arte di Pechino 2011). Ho rilasciato interviste radiofoniche (Deutsche Welle) e fatto parte di servizi televisivi italiani (Roma Uno-Colori). Sono membro della 'Societe des artistes independant' (Francia) e dell''Académie internationale des Arts Contemporains Belgique'.

L'esperienza con la Florence Biennale
"Sono stata orgogliosa di partecipare alla Florence Biennale 2011 e sono contenta di poter cogliere l'occasione di far parte di un evento così importante anche nel 2013. Sentirmi un' artista europea - nata in Bulgaria, che vive e lavora in Germania e che ora espone di nuovo in Italia, arricchisce la mia vita di artista, specialmente quando le mie opere sono esposte a Firenze, probabilmente una delle più importanti città d'arte del mondo - nella storia, nel presente e nel futuro".

www.iva-milanova.de


Iva Milanova

GERMANIA
 
Responsive Image


Carmina Orejas Diez

SPAIN
 
Responsive Image
L'artista
"Mi considero una pittrice iperrealista. Sono una pittrice oggettivo, con la capacità di osservare la realtà. Tuttavia, quasi senza rendermene conto, questa realtà viene modificata quando la rappresento. Come dice Antonio López, 'si altera sempre il mondo quando lo si dipinge', e nel mio caso non dipingo solo quello che c'è, ma quello che vorrei trovare. Dipingo ciò che ho vicino, ciò che vedo ogni giorno e che fotografo come testimonianza di ciò che è reale. Ma non posso fare a meno di sognare come sarebbe questa strada, questa città moderna, senza inquinamento e folla, con un'atmosfera trasparente; o immaginare una natura pulita, luminosa, quasi riflettente. Questa è una prospettiva esperienziale, dove tutti i piccoli dettagli, per quanto insignificanti siano, mi sembrano degni di essere visti, conservati e utilizzati per formare un insieme che illumini questa realtà".

L'esperienza con la Florence Biennale
"La VIII Florence Biennale ha avuto un'importanza speciale nella mia carriera pittorica. Era la prima volta che esponevo all'estero e devo dire che le mie aspettative sono state più che soddisfatte. Era una biennale assolutamente internazionale, dove ho contattato numerosi artisti, collezionisti, galleristi, ecc. di tutto il mondo. E da quel momento mi sono sentita richiesta nel mondo dell'arte internazionale. Oggi vedo la IX Florence Biennale come un'opportunità fondamentale nella carriera di ogni artista, non solo per stabilire contatti professionali in tutto il mondo, ma soprattutto perché è un modo efficace per promuovere il dialogo tra popoli di culture diverse attraverso le loro espressioni artistiche".

www.carminaorejas.es
L'artista
Scultore monumentalista, vive e lavora a Firenze. Si è diplomato all'Istituto Statale d'Arte di Vasto e all'Accademia di Belle Arti di Firenze, sotto la guida del professor Antonio Berti. Ha avuto importanti mostre personali e collettive nazionali e internazionali e le sue sculture sono presenti in importanti musei quali: Cracovia, Varsavia, Cancun, Stia, Arezzo e "Il Bargello" di Firenze. Tra le opere più importanti abbiamo: 15 pannelli (100cm x 100cm) dedicati ai Misteri del Rosario e il Monumento di Padre Pio, Chiesa "San Gervasio e Protasio", Firenze, inaugurato da Madre Teresa di Calcutta; Medaglia "Lorenzo il Magnifico" alla Florence Biennale; Medaglia commemorativa di Enrico Caruso, Villa Gisella, Firenze; Medaglia commemorativa per la santificazione "San Pio da Pietralcina", Città del Vaticano; Scultura commemorativa per il centenario di Greta Garbo, Firenze; Scultura "Crocifissione" per il centenario della Banca del Chianti, San Casciano Val di Pesa, Firenze; Medaglia premio annuale "Padre Pio, Città di San Giovanni Rotondo", a S. S. Papa Benedeto XVI, San Giovanni Rotondo; Medaglia "Padre Pio, Il Cireneo", a S.S. Papa Francesco, Roma. Tra i riconoscimenti alla sua carriera artistica, troviamo la "Medaglia Beato Angelico", Firenze.

L'esperienza con la Florence Biennale
"La partecipazione alla Florence Biennale è un'esperienza molto importante, perché abbiamo l'opportunità e la possibilità di incontrare tanti artisti tutti insieme in un posto e in pochi giorni, artisti di diverse culture che vengono da molte nazioni del mondo. Questa è un'occasione speciale per incontrarsi e arricchire il nostro patrimonio artistico e culturale".

www.mariopachioli.it


Mario Pachioli

ITALIA
 
Responsive Image


Julien Porisse

FRANCIA / INGHILTERRA
 
Responsive Image
L'artista
"Sono nato in una famiglia di artisti. Mio padre Julien Porisse era un pittore della "Butte" Montmartre a Parigi, mia madre Anne Corcoran gestiva la Galleria - Atelier. La vita bohémien degli anni '60 e '70 a Montmartre, i miei studi d'arte in Inghilterra (Leicester Polytechnic, ora DMU) e all'École National Supérieur des Beaux-Arts di Parigi. Tutto era pronto per me per diventare un pittore proprio come lo era stato mio padre... solo che ho dovuto vivere diverse vite prima di iniziare una carriera come artista a tempo pieno nel 2008.
I miei ultimi 2 anni hanno visto un cambiamento nella 'linea'. Ora uso gli stencil nel mio processo di pittura. Costruisco le mie immagini pezzo per pezzo, colore per colore quasi in modo architettonico. C'è una metodologia nel mio processo di pittura che cerca di controllare e pianificare l'immagine, ma nel momento finale qualsiasi decisione potrebbe essere presa e un cambiamento fatto in un'altra direzione".

L'esperienza con la Florence Biennale
Florence Biennale 2009
"Dipingevo da quasi 2 anni quando sono arrivato a Firenze nel dicembre 2009. Ero felice di essere stato accettato, perché la mia carriera era ancora un po' una novità. Avevo inviato un grande quadro 'Big Bang' un dipinto di 200 x 200 cm inviato da San Paolo a Firenze. Molti artisti, forse quasi 800 erano presenti e c'erano alcune opere di altissima qualità in mostra. Le persone in giacca e cravatta facevano parte della giuria o del comitato scientifico e gli altri erano artisti o visitatori. C'è voluto un po' di tempo per adattarsi all'atmosfera della Biennale, che è particolare. Questa Biennale è stata una grande esperienza e ho imparato molto da essa. Il 'Manifesto' di Marina Abramovich sul palco di fronte a tutti i presenti, un vero istante di vita della sua arte. Semplicemente incredibile".

Florence Biennale 2011
"Per questa Biennale sono venuto meglio preparato. I dieci giorni a Firenze sono stati molto piacevoli grazie all'esperienza che avevo dal 2009. Ho deciso di rimanere a Firenze, non per viaggiare ma per incontrare lo staff della Biennale, i giudici, assistere agli eventi nell'auditorium. Ho avuto buoni colloqui con i critici d'arte e i membri del comitato scientifico. Volevo partecipare a questa Florence Biennale. Ho incontrato molti artisti e anche un vecchio compagno di scuola che non vedevo dal 1980. Ho deciso di tornare per la terza volta, perché rispetto la Florence Biennale come una biennale d'arte contemporanea internazionale veramente importante. Con premi alla carriera dati a grandi artisti come David Hockney, Gilbert & George, Cristo & Jean Claude, Marina Abramovich e ora Anish Kapoor. La Florence Biennale 2013 è qui, quindi godiamocela!"

www.juliencorcoran.com
L'artista
"Dipingo eventi della vita quotidiana, stati mentali, persone o qualsiasi cosa che mi interessi. Inizio il mio processo pittorico raccogliendo di solito oggetti, disegni del passato, qualsiasi cosa che sia rappresentativa dell'oggi e del soggetto su cui sto lavorando. Incollo questi oggetti in modo caotico sulla tela o sul supporto di legno. Poi inizio a dipingere di solito in acrilico, ma anche a olio, creando un equilibrio tra gli oggetti e la pittura. Di solito finisco per cancellare e dipingere sopra ciò che è già dipinto per dare una sensazione più lavorata al dipinto. Non è un modo pre pianificato o controllato, ma apre numerose porte alla composizione e nuove idee emergono mentre dipingo. Ho un background figurativo che mi permette di mantenere sempre vivo il lavoro".

L'esperienza con la Florence Biennale
"Sono stato tre volte alla Florence Biennale: 2001, 2009 e 2011. Nel 2011 ho ricevuto il 5° premio in pittura.
Trovo che la Florence Biennale sia una mostra d'arte seria e ben organizzata. La varietà di artisti provenienti da tutto il mondo è di alto livello. La giuria è di alto livello. Firenze, la Toscana sono molto belle e ogni volta che sono tornato a Firenze è stato sempre più piacevole".

www.liamporisse.com


Liam Porisse

FRANCIA / INGHILTERRA
 
Responsive Image


Giancarlo Scarsi

ITALIA
 
Responsive Image
L'artista
Giancarlo Scarsi ha capito l'importanza dell'equilibrio nella composizione, ma soprattutto la necessità dell'armonia e della narrazione. La pittura è una vecchia passione che lo ha portato ad esporre in diversi luoghi (Milano, Venezia, Roma, Chianciano, Londra, Parigi, Vienna). La sua è una pittura sussurrata che racconta con una piccola voce la purezza della metafisica illimitata dell'innocenza, che esalta la linea e la trasparenza del colore e il valore narrativo dell'illustrazione. In Scarsi c'è la necessità di narrare e il disegno evoca ricordi in un racconto che si sviluppa per immagini, un percorso umano in cui la pittura esprime ricordi, emozioni e aspirazioni e dove la dolcezza diventa il leitmotiv di una narrazione semplice e delicata. Un modo di fare arte che si rifà all'antica tradizione dell'illustrazione con il suo valore narrativo e decorativo, attraverso un disegno che utilizza una linea fragile che mette giù il punto di vista portando l'osservatore dentro l'immagine.

L'esperienza con la Florence Biennale
"Sono stato due volte alla Florence Biennale. Entrambe le esperienze sono state positive soprattutto perché ho avuto la possibilità di conoscere artisti di tutto il mondo, ognuno di loro con un background diverso. Non vedo l'ora di esserci di nuovo per ripetere questa bella esperienza e per avere la possibilità di mostrare il mio lavoro a così tante persone e artisti e di imparare qualcosa da loro".

www.giancarloscarsi.it
L'artista
"Oltre alla fotografia su carta lucida, ho usato anche Fabriano e carta giapponese. Sto usando solo l'obiettivo a fuoco singolo perché credo che abbia una personalità. Faccio anche un lavoro di conservazione per l'arte (immagini di pittura, archivi digitali per film)".

L'esperienza con la Florence Biennale
"Sto partecipando per la seconda volta alla Florence Biennale (2011 & 2013). Sono impaziente di vedere il lavoro degli altri partecipanti. Il migliore luogo per sperimentare il proprio lavoro".


Haiya Shounosuke

GIAPPONE
 
Responsive Image


Kikuko Uda

GIAPPONE
 
Responsive Image
L'artista
"Ora vivo a Kyoto in Giappone. In passato ho vissuto a Parigi. Ho visitato l'Europa e ho capito quanto siano meravigliosi sia l'Europa che il Giappone. Infine, i miei dipinti sono riusciti a trovare una tecnica originale di miscelazione della pittura occidentale e giapponese. Naturalmente, mi piace la pittura a olio. Aderisco soprattutto ai colori, continuo a disegnare. Guarderei la natura con un sentimento gentile sempre di più da ora in poi, e continuerebbe a piacermi imparare e disegnare molto di più".

L'esperienza con la Florence Biennale
"Ho partecipato alla Florence Biennale 2009, 2011 e 2013. Ho vinto il 5° premio di Opere su carta nel 2009. È importante per esporre le mie opere partecipare alla Biennale, e posso vedere le opere di altri artisti. Non vedo l'ora di vedere il lavoro degli altri partecipanti".
L'artista
Willow Wu è uno dei primi artisti al mondo ad usare le meduse come tema principale per le sue ispirazioni creative. Nei dipinti del signor Wu, un mondo fantastico, pieno di mistero, può essere visto attraverso le caratteristiche uniche delle meduse: trasparenti, belle e flessibili, ma sovrapposte e distorte. Attraverso la natura unica, Willow Wu assegna alle meduse tratti femminili per riflettere e alludere alle diverse emozioni di una donna nel mondo, come la sua capacità di essere bella, gentile e appassionata, e contemporaneamente volubile e imprevedibile.
Negli ultimi anni, il signor Wu ha dipinto meduse come simbolo che prende in giro figure politiche, racconta una storia ironica di civiltà umane e lamenta la fragilità della vita umana. Il signor Wu ha anche iniziato una nuova serie sull'universo, che contempla la questione tra tempo e spazio, e la questione della razza umana dovrebbe essere umile di fronte al cosmo infinito.

L'esperienza con la Florence Biennale
"Firenze, il luogo di nascita del Rinascimento, è una delle città più belle del mondo. E la città è nota per la sua storia, cultura, arte e architettura rinascimentale e monumento.
Sono onorato di essere stato invitato a partecipare alla Florence Biennale 2011 e 2013, la sala espositiva è così luminosa, comoda ed elegante. Mi è piaciuto molto incontrare e comunicare con artisti di diversi paesi del mondo durante il periodo della mostra. E dovrei lodare lo staff e la squadra della Biennale per disciplina, entusiasmo e affetto. È stata davvero un'esperienza preziosa e indimenticabile nella mia vita.
Lo spazio per l'esposizione delle opere degli artisti è di solito disposto secondo l'ordine del cognome in alfabeto inglese; i cognomi degli artisti nella parte posteriore della serie alfabetica sono di solito disposti sul retro o in un angolo della sala espositiva. Come me, Willow Wu. Penso che sia ingiusto. Mi aspetto che il vostro team faccia alcuni miglioramenti su questo problema".

www.willow-wu-gallery.com


Willow Wu

TAIWAN
 
Responsive Image
X

Cerca