Il gioco di rimandi fra realtà e identità in continuo mutamento è il tema indagato dalle opere degli artisti ospiti e dai progetti speciali che hanno arricchito la dodicesima edizione di Florence Biennale.

SPECCHI LEGGERMENTE MODIFICATI

Selezione di progetti multimediali a cura di Veronica Citi Libera Accademia di Belle Arti (LABA), Firenze.

DENYING BEAUTY “IN A SILENT WAY”

Rossano B. Maniscalchi

ONE WORLD ONE FACE

Adoratorio, Digital Creative Agency

LA STRADA COME PALCOSCENICO: ACHE77, NEMO’S e MR.WANY.

A cura di Matteo Bidini e Gianluca Milli, Street Levels Gallery

UNIVERSAL ELEMENTS

Shan Shan Sheng

EPIMIMESIS – EPIZONE V: SHIFTING IDENTITIES.

Joanna Hoffmann & EpiLab Team

IL MARIS ART PROJECT

Liku Maria Takahashi

woodstock Janis-&-Tina © Amalie Rotschild

WOODSTOCK E GLI ALTRI. CINQUANTA FOTO DI PACE AMORE E MUSICA

Mostra personale di Amalie R. Rothschild a cura di Marco Ferri