Fortezza da Basso

Sede Espositiva

Capolavoro dell’architettura militare del Rinascimento, la Fortezza da Basso è dal 1967 la principale struttura del polo espositivo di Firenze, ubicata in posizione strategica nel centro storico della città. Grazie al fascino evocativo che emana richiamando lo splendore dell’epoca dei governi Medicei, è il luogo ideale per ospitare una manifestazione artistica e culturale quale è la Florence Biennale.

Una location unica al mondo che alterna ambienti storici perfettamente restaurati a padiglioni moderni come il Padiglione Spadolini.

L’ingresso ai padiglioni e agli spazi interni è reso possibile grazie alla presenza di tre ingressi carrabili e pedonali (Porta S.Maria Novella, Porta Faenza e Porta Mugnone) e due pedonali (Porta alle Carra e Porta Soccorso alla Campagna).

E’ garantita l’accessibilità a persone con difficoltà motorie in tutte le aree delle strutture aperte al pubblico.

 

Padiglione Spadolini – Piano Terra

La XI Florence Biennale si tiene all’interno del Padiglione Spadolini – Piano Terra. Innalzato fra il 1974 e il 1976 su progetto dell’architetto fiorentino Pierluigi Spadolini, è il principale edificio ad uso congressuale-fieristico di Firenze, uno spazio polifunzionale di grande versatilità per le sue ampie superfici libere, all’interno di uno dei più importanti complessi monumentali della città.

Area: 8.320 Mq

Altezza: 3.20 m

Gli artisti possono scegliere tra le seguenti soluzioni espositive:
SPAZIO PARETE: indicato per opere da appendere in quanto consiste in pannelli verticali assemblati in moduli di 2, 3, 4 o 6 metri. Il numero delle opere che è possibile esporre dipende dalla metratura dello spazio parete scelto, ma in ogni caso esse devono essere posizionate ad una distanza di almeno 10 cm tra loro e non devono sporgere oltre 40 cm dalla parete.

SPAZIO PAVIMENTO: indicato per opere che devono essere posizionate a terra o su una base. Metrature disponibili: 1, 2, 3, 4, 6 m2.

POSTAZIONE VIDEO: le proiezioni video saranno effettuate attraverso schermi LCD o LED di 40″ con 2 set di cuffie audio collegate.

Cenni Storici sulla Fortezza da Basso

Nata con il nome di Castello Alessandria, fu costruita da Pier Francesco da Viterbo e Antonio da Sangallo il Giovane tra il 1534 ed il 1537 per ordine di Alessandro de’ Medici, posto al governo di Firenze dallo zio Giulio de’ Medici, papa Clemente VII, che esercitava il vero potere. Nel maggio del 1533 iniziarono gli scavi sovrintesi dal celebre condottiero Alessandro Vitelli e dall’architetto Pier Francesco Florenzuoli da Viterbo.

Il 15 luglio del 1534 fu posta la prima pietra e nel dicembre dello stesso anno i lavori delle opere di fortificazione furono ultimati nella gran parte.
La gigantesca fortezza, di forma pentagonale, fu realizzata con grandezza di mezzi e rapidità per assicurare il controllo della città ai Medici, appena rientrativi dopo

 

l’Assedio di Firenze, di fornire alloggio ad un forte contingente di truppe, nonché rifugio ai governanti in caso di rivolta, ma anche di impressionare e intimorire i fiorentini con la sua massa.

Per accentuare questa impressione il lato rivolto verso la città fu dotato, da Antonio da Sangallo, di un aspetto monumentale. Il ruolo militare della Fortezza fu mantenuto anche in epoca lorenese, quando furono costruiti altri fabbricati di interesse architettonico ed ambientale come la palazzina per gli ufficiali ed un teatrino.

La Fortezza, che come molte altre strutture simili non fu mai utilizzata, rimase affidata al Demanio Militare fino al 1967.