Florence Biennale 2013

30 Novembre – 8 Dicembre

Con la partecipazione di centinaia di artisti e migliaia di visitatori nelle sedi cittadine che hanno ospitato gli oltre 25 eventi collaterali, l’ultima edizione della Biennale, dal tema “Etica: DNA dell’Arte”, riscuote il favore generale degli artisti partecipanti ed il plauso del pubblico.

La IX Florence Biennale, intitolata Etica: DNA dell’Arte, segna l’inizio di un ciclo di edizioni ispirate ai principi sanciti nella Carta Etica dell’Artista del Nuovo Millennio.

Presentata al XXXIII Convegno Mondiale dei Centri UNESCO, tenutosi l’11 marzo 2013 nella sede di Palazzo Vecchio a Firenze, e ratificata dalle Organizzazioni Non Governative partecipanti, la Carta Etica dell’Artista rappresenta per Florence Biennale un traguardo importante nel cammino che già nel 2001 l’ha portata ad essere riconosciuta dall’ONU come partner ufficiale del programma “Dialogo tra le Civiltà”.
Il tema di questa edizione esprime in sintesi una nuova

mission della Florence Biennale, ovvero l’intento di accendere una critica sul rapporto fra arte, etica ed estetica, e sul ruolo delle arti nel nuovo millennio. In quest’ottica si esplorano nuove frontiere per ristabilire il ruolo centrale della cultura artistica nelle realtà globali contemporanee.
Personalità di fama mondiale quali Anish Kapoor, Franco Mussida e Henryk Jurkowski ricevono il Premio “Lorenzo il Magnifico” alla Carriera.

Florence Biennale valica le mura della Fortezza da Basso e moltiplica l’esperienza artistica in luoghi e date diverse. Tanti gli eventi in contemporanea alla kermesse, in altrettanti luoghi simbolo fiorentini: Biblioteca delle Oblate, Cripta dell’Opera di Santa Croce, ex Tribunale di Piazza San Firenze, Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. Fuori Firenze, a Fiesole, ci attende invece una passeggiata tra ulivi e installazioni artistiche e il “Fusion on plain air” di Geremia Renzi all’Agriturismo Corzano di Barberino di Mugello.

Durante la 10 giorni della Biennale alle Oblate, in Sala delle Capriate, è visitabile “Illustrating Florence”, mostra collettiva realizzata da sette fotografi e curata da Maurizio Gabbana.

L’ex Tribunale di Piazza San Firenze, Sala della musica, si trasforma nel “Casino dell’Arte”, allestimento inusuale che ricorda la collezione di un Grand Tourist. Fra i 40 artisti italiani e stranieri che partecipano alla collettiva ricordiamo: Athos Collura, Luce Delohove, Andrea Granchi, Edo Janich e Aldo Spoldi.

Tre artiste turche offrono una prospettiva sull’arte contemporanea del proprio paese alla Fortezza da 

Basso, attraverso la mostra “Ex Oriente” a cura di Marcella Guerrieri.
Allo Studio Rosai (via Toscanella, 18) va in scena “La Ribollita”, omaggio ai 92 anni di Lisa Licitra Ponti e in memoria di Paolo Marini: il primo evento di tre è a cura di Mat&AleCo (Matteo Licitra e Maria Alessandra Columbu) in collaborazione con Fabio Norcini.

Non mancano occasioni di vivere l’arte in maniera interattiva come la passeggiata tra olivi e installazioni nell’Azienda Agricola Buonamici di Fiesole.

Una galleria di personaggi prestati all’arte dal mondo dei sogni ci attende allo Spazio LINEA Arte Contemporanea (via delle Porte Nuove, 10) che ospita “Bestiario Fantastico”, collettiva nata in collaborazione con Dieffe Arte Contemporanea di Torino. Protagoniste sono una serie di opere in cui il ribaltamento della realtà induce a riflettere su cosa rappresenti per noi la condizione umana. Senza prenderci troppo sul serio.

In Fortezza da Basso arrivano i ragazzi delle scuole medie fiorentine per uno degli incontri del ciclo Leggere l’Arte Contemporanea, progetto promosso in collaborazione con il Comune di Firenze, che si concluderà con un concorso per classi e la

proclamazione di un vincitore. I ragazzi si metteranno alla prova creando un’opera d’arte originale: la prima classificata sarà esposta in uno spazio pubblico di Firenze alla fine dell’anno scolastico. Al secondo appuntamento  i ragazzi incontrano l’Assessore alla Cultura Cristina Giachi e il Direttore artistico Rolando Bellini, per una lezione di educazione artistica davvero particolare.

Infine merita risalto la giornata di studi dedicata al Convegno Neo-umanesimo: Arte, Filosofia, Etica ed Estetica all’alba del nuovo millennio che vede studiosi di fama internazionale riunirsi nel prestigioso Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio.

Concluso l’evento in Fortezza da Basso, la Biennale continua all’Opera di Santa Croce: protagonista della mostra presso la Cripta sarà Pasquale Celona, presidente di Florence Biennale e prima ancora artista, che presenterà qui il “mantra” dell’edizione 2013. A partire da quest’anno, infatti, la Biennale seleziona un artista in grado di dare forma al messaggio della manifestazione. Per la nona edizione si tratta di una frase di Paul Klee: “Nelle mie vene scorre il sangue di un tempo migliore”.

Premio Internazionale “Lorenzo il Magnifico”

Premio alla Carriera 2013